Coronavirus, ecco l’inno dei medici con testo di Mogol

Un gruppo di medici ha trovato il tempo di interpretare un brano, definito ‘inno dei medici’ per invitare i cittadini a restare in casa. Testo di Mogol

Anche le idee musicali sul tema coronavirus prendono il sopravvento. Se negli scorsi giorni siamo stati abituati ad ascoltare e cantare l’Inno di Mameli e altre canzoni che hanno segnato la storia della nostra canzone, ora nasce anche l’inno dei medici, con nientemeno che il miglior paroliere di sempre Mogol a scriverne il testo. In mezzo a giornate tumultuose e pesantissime per salvare tantissimi nostri concittadini, un gruppo di medici ha trovato il tempo per interpretare la canzone.

IL PROGETTO – Naturalmente l’obiettivo della Federazione Italiana delle Società Medico Scientifiche (Fism), che ha realizzato il video, è quello di invitare i cittadini a restare in casa. Abbassate le mascherine in maniera fugace, un gruppo di medici ha reinterpretato Il mio canto libero di Lucio Battisti, ma con un nuovo testo, scritto da Mogol. I coristi sono stati a debita distanza, “mettendo a valore le capacità musicali di tanti professionisti delle corsie di tutta Italia per sottolineare come il difficile lavoro degli ospedali debba essere sostenuto dall’impegno di tutti – scrive la Fism in un comunicato ufficiale -. Ne è nato un vero e proprio inno che, pur nella fatica, non abbandona la speranza”.

Invitiamo tutti ad ascoltare il brano nel video qui sotto, rilanciato anche dal Ministero della salute sul proprio sito ufficiale.


Radio Number One

#dovevivitu

Current track
TITLE
ARTIST

Background
Un progetto promosso da
Logo Consiglio dei Sindaci
Logo Fondazione della Comunità Bergamasca
Logo Regione Lombardia

#SosteniAMOBergamo

Fà come Notér, dona adess! / Fai come noi, dona adesso! / Follow us, donate now!
Raccolta fondi per il sostegno di 14 unità operative per l’emergenza sociale, nel territorio della città e provincia.
Siamotuttibergamaschi

Scopri di più