Facebook, modifiche alle pagine: niente più “Mi piace”, resta il “Segui”

Niente più confusione fra i tasti “Mi piace” e “Segui” associate alle pagine Facebook: resterà solo la seconda opzione

«Togliere il “Mi piace” e tenere il “Segui” alle pagine significa non dare un’accezione positiva di giudizio, ma semplicemente la volontà di ricevere aggiornamenti». Così Mark Zuckerberg, creatore di Facebook, spiega il cambiamento delle pagine, dove ora infatti non ci sarà più il classico “Mi piace” in segno di apprezzamento di una di esse.

DI COSA PARLIAMO – Le pagine, che identificano il profilo pubblico di un’azienda o uno specifico personaggio, da sempre raccolgono follower e fan: così si misura la visibilità e la popolarità di un determinato brand, vero, ma non tutti per forza decidono di followare una pagina in segno di apprezzamento. A volte bisogna farlo per lavoro (magari è la concorrenza da analizzare), oppure semplicemente un utente vuole sapere cosa pubblica quotidianamente un’azienda o un personaggio che non gli va particolarmente a genio. Giusto per curiosità. E il “Segui” è più identificativo e se vogliamo “generico” rispetto ad un “Mi piace”.

COM’ERA PRIMA – Precedentemente erano presenti entrambi i tasti, che generavano confusione sia ai gestori delle pagine pubbliche, sia agli utenti. Quale dei due dati è più importante per stabilire il valore della community? Cosa cambia fra uno e l’altro tasto? Ora non ci saranno più problematiche a riguardo: con un tasto solo non si creeranno più discussioni.


Radio Number One

#dovevivitu

Current track
TITLE
ARTIST

Background