FERRAGOSTO È IL GIORNO ESTIVO PIÙ ATTESO DAGLI ITALIANI. MA DA DOVE NASCE QUESTA FESTIVITÀ?

Quella del Ferragosto è una festività che ha origini storiche molto antiche.
Per stabilirne l’etimologia, occorre risalire ai tempi dell’antica Roma ed alla locuzione latina “Feriae Augusti” ovvero, “riposo di Augusto”.
Inizialmente la festa ricadeva il 1° agosto ma quando il Ferragosto assunse un significato anche religioso, la Chiesa Cattolica decise di spostarla il giorno 15 del mese e fu per abbinarla al giorno dove si commemora l’Assunzione di Maria.
Era giorno di grandi festeggiamenti, quello delle “feriae Augusti”, con tornei di corse di cavalli che si svolgevano in tutto l’impero. Buoi, asini e muli, impiegati nei lavori agricoli, venivano addobbati con ornamenti floreali.
Il Ferragosto come lo celebriamo oggi, vale a dire gita fuori città e pranzo al sacco, è dovuto al ventennio fascista.
Il Ventennio fascista, che com’è noto si ispirava molto all’ antica Roma imperiale, diede grande risalto al Ferragosto. Fu in quegli anni, che nacque la tradizione della gita di Ferragosto. Le associazioni dopolavoristiche, con il patrocinio del regime, mettevano a disposizione dei lavoratori i “Treni popolari di Ferragosto” i cui prezzi dei biglietti erano fortemente scontati. Questa era un’opportunità per permettere alle classi sociali meno agiate di potersi recare al mare o in montagna.
Le gite si svolgevano nei giorni 13, 14 e 15 agosto.
Una curiosità: l’offerta non prevedeva il pranzo e quindi nacque l’usanza del cosiddetto “pranzo al sacco”.
Non resta che decidere dove trascorrere il proprio Ferragosto: l’importante è che ci sia sempre tanta buona compagnia.
Buon divertimento e buona festa a tutti!


Radio Number One

#dovevivitu

Current track
TITLE
ARTIST

Background