Padova, morto l’oncologo Giuseppe Basso: guarì centinaia di bambini

Conosciuto ed amato in tutta Italia, ha salvato le vite di giovanissimi pazienti. Padova e la sanità italiana perdono Giuseppe Basso

Dopo un lungo periodo di terapia intensiva dovuto al Covid-19, non ce l’ha fatta. Giuseppe Basso, 73 anni, era oncologo pediatrico di grandissimo rispetto, che nel corso della carriera professionale ha salvato centinaia di bambini malati. È stato direttore della clinica di oncoematologia pediatrica di Padova, ed è proprio nella città veneta che ha chiuso gli occhi per l’ultima volta. Una scomparsa che ha colpito tutti, perché nella vita il prof. Basso ha sempre fatto del bene.

STIMA – Il rettore dell’università di Padova Rosario Rizzuto ricorda il professor Basso come “scienziato di valore e medico appassionato“, che con competenza e determinazione ha applicato i progressi scientifici alla cura dei giovanissimi pazienti. Dal 2018 Basso dirigeva, peraltro, l’Istituto Italiano per la Medicina Genomica di Torino. Anche il governatore del Veneto Luca Zaia sui social ha rilasciato un commento a margine della brutta notizia: «Una stella cometa delle cure per i bimbi – ha scritto -, uno dei medici più conosciuti ed amati d’Italia. La sanità veneta perde un grande clinico e una persona incomparabile per qualità umane».


Radio Number One

#dovevivitu

Current track
TITLE
ARTIST

Background