Robbie Williams, che paura ad Haiti: «Volevano decapitarmi»

Durante una missione umanitaria ad Haiti, il cantante Robbie Williams e la moglie sono stati minacciati di essere decapitati

Robbie Williams e la moglie Ayda Field hanno corso un rischio terribile. I due si trovavano in una missione umanitaria ad Haiti per conto dell’Unicef ma sono incappati in una situazione molto pericolosa. Ecco cos’ha dichiarato l’ex cantante dei Take That nel suo podcast “Postcards from the Edge”, ripreso dal Daily Mail: «Eravamo ad Haiti per aiutare e hanno minacciato di tagliarci la testa». Tutto questo è successo nel 2010, tre mesi dopo il terremoto che ha causato oltre 250 mila vittime.

PAPÀ ROBBIE – Nonostante la paura causata dai banditi, il viaggio ha portato al cantante la consapevolezza di voler avere dei figli. «È terribile quello che è successo in quel posto e lavorare con i bambini, stare con loro, vedere la loro sofferenza, mi ha fatto venire voglia di avere dei figli». Sono passati dieci anni da allora e, oggi, Ayda e Robbie hanno ben 4 figli: Teddy, Charlton, Coco e il piccolo Beau, di soltanto 4 mesi.

Robbie Williams


Radio Number One

#dovevivitu

Current track
TITLE
ARTIST

Background