San Lorenzo: quando e come vedere le stelle cadenti

Nella notte tra l’11 e il 12 agosto sarà raggiunto il picco massimo delle Perseidi o “lacrime di San Lorenzo” lo sciame meteorico più conosciuto

Come ogni anno, attorno alla metà di agosto, il picco massimo delle Perseidi – le cosiddette “Lacrime di San Lorenzo” – è pronto ad ammaliarci con il tradizionale e affascinante spettacolo astronomico delle stelle cadenti. In questo 2020 le condizioni per osservarle saranno decisamente buone anche se, a causa della presenza della Luna, il fenomeno potrebbe risultare disturbato.

SAN LORENZO – In epoca antica il picco massimo delle Perseidi era osservabile il 10 agosto, data in cui si verificò il martirio del diacono di Roma: per questa ragione la notte delle stelle cadenti viene tradizionalmente chiamata “Notte di San Lorenzo”, mentre le scie che solcano la volta celeste prendono il nome di “lacrime”. Tuttavia, col passare degli anni, il momento in cui si verifica il maggior numero di meteore si è spostato tra l’11 e il 13 agosto. Quest’anno si ritiene che il momento più propizio per guardare le stelle cadenti sarà nella notte tra l’11 e il 12 agosto.

DOVE E QUANDO – Come anticipato, il picco massimo è atteso nella notte tra l’11 e il 12 agosto. Invece, il punto che sembrano originare le scie luminose è nei pressi della costellazione di Perseo, ed è per questa ragione che le lacrime di San Lorenzo sono scientificamente note come Perseidi. Per ammirarle non serviranno strumenti specifici, dato che il metodo migliore per godersele è proprio ad occhio nudo. È fondamentale scegliere un luogo buio per poter osservare il numero massimo di meteore. Per chi non potesse ammirare le stelle cadenti a occhio nudo proprio il VTS, trasmetterà una diretta streaming sul proprio sito a partire da mezzanotte di martedì 11.


Radio Number One

#dovevivitu

Current track
TITLE
ARTIST

Background