Sondrio, il 60enne che a marzo donò un rene al nipote corre la mezza maratona

Sei mesi dopo essersi operato per donare un rene al nipote, il 60enne di Sondrio Sergio Lotti affronta la mezza maratona tra Rimini e Verrucchio

Lo scorso marzo Sergio Lotti, 60enne romagnolo che risiede nella provincia di Sondrio, si era fatto asportare un rene per poterlo donare al nipote malato. Dopo circa sei mesi dal delicato intervento, l’uomo ha deciso di correre la sua mezza maratona percorrendo ben 18 km di corsa tra Rimini e Verrucchio. A fronte dei numerosi controlli con esito positivo fatti nei mesi successivi all’operazione è stata data a Sergio la possibilità di partecipare all’evento sportivo organizzato nella sua natia Romagna. Sempre al suo fianco durante il percorso c’è stata la cugina Mariangela, la quale lo accompagnerà nei prossimi eventi e alla Jerusalem Marathon di 42 km in Israele, futuro obiettivo di Sergio.

LA GIUSTA CAUSA – Sergio Lotti ha affrontato la sfida come testimonial dell’importanza della donazione di reni ai pazienti malati che ne hanno bisogno. La sua corsa è stata infatti volta a sensibilizzare il pubblico sul delicato tema del trapianto di organi da vivi. Un gesto d’onore ed altruismo che può concretamente salvare delle vite. «La stanchezza alla fine della gara si è fatta sentire – afferma Sergio -, ma l’ho fatto con la speranza di poter salvare delle vite, e per questo motivo ne è valsa assolutamente la pena».


Radio Number One

#dovevivitu

Current track
TITLE
ARTIST

Background